Orchidea Miltonia

orchidea miltonia

In origine il genere Miltonia comprendeva parecchie specie che allo stato attuale si sono sensibilmente ridotte in quanto molte di esse sono state riclassificate ed assegnate ad altri generi.

Allo stato attuale le uniche vere orchidee Miltonia sono quelle che provengono dal Brasile, caratterizzate dall’avere le foglie e i pseudobulbi di colore tendente dal verde – giallino al miele e un rizoma rampicante con pseudobulbi ovali e compressi provvisti di due foglie e sono piante da serra temperata.

Esistono numerosissimi ibridi di questa orchidea e la maggior parte sono tutti Miltoniopsis. Sapere esattamente quale orchidea abbiamo in casa è importante in quanto, le esigenze colturali, soprattutto termiche sono diversissime tra loro.

Morfologia

In ogni caso sono entrambe epifite con struttura simpodiale e sono provviste di pseudobulbi.

Le radici sono più sottili rispetto alle altre specie di orchidee per questo motivo occorre fare molta attenzione quando si maneggia la pianta.

Gli steli fiorali che sorgono dalla base dei pseudobulbi possono essere penduli o eretti, semplici o ramificati e possono portare da 5 fino a 20 fiori che durano dalle 4 alle 6 settimane. Più la pianta è adulta, più dureranno i fiori.

Temperatura e Ventilazione

Le orchidee Miltonia sono piante da serra temperata, richiedono pertanto le seguenti temperature:

  • estate: notturne 16°C, diurne intorno ai 25°C;
  • inverno: notturne intorno ai 10°C, diurne intorno ai 12°C.

Le orchidee Miltoniopsis sono piante da serra fredda per cui gradiscono le seguenti temperature:

  • estate: notturne intorno ai 14°C, diurne intorno ai 20°C;
  • inverno: notturne intorno agli 8°C, diurne intorno ai 12°C.

Se la pianta è giovane, le temperature si elevano di qualche grado.

Entrambe le specie amano gli ambienti arieggiati, soprattutto nelle giornate più calde, ma attenzione alle correnti d’aria che non sono gradite specialmente durante la fioritura e l’emissione dei boccioli fiorali.

Luce

L’Orchidea Miltonia (ma vale anche per la Miltoniopsis) essendo una piante originaria delle foreste umide non richiede luce abbondante, soprattutto mai quella solare diretta che la brucerebbe. In particolare la Miltonia richiede un’intensità luminosa superiore alla Miltoniopsis tra i 20.000 – 35.000 lux mentre la seconda tra i 10.000 – 15.000 lux.

Il colore delle foglie è un ottimo indicatore, infatti in condizioni di luce adeguata le foglie hanno una colorazione verde chiaro. Se il verde tende ad essere troppo scuro allora vuol dire che la luce non è sufficiente, viceversa se tendono ad essere rossastre allora la luce è eccessiva.

Leggi di più –> Come curare l’Orchidea

Annaffiatura

L’Orchidea Miltonia (ma anche la Miltoniopsis) gradisce molto di avere le radici costantemente umide, quindi annaffiatela due volte a settimana durante la stagione estiva, una volta a settimana durante la stagione invernale.

Questa indicazione generale va comunque “pesata” di caso in caso: di solito più il vaso è piccolo, più il substrato si asciuga in fretta, maggiore dovrà essere la frequenza di annaffiatura.

Bisogna annaffiare al mattino, con acqua non calcarea per consentire alle foglie di asciugarsi, ed evitare in questo modo l’insorgenza di pericolose malattie. Bisogna fare attenzione che l’acqua non ristagni tra gli interstizi delle foglie.

Un sintomo chiaro e caratteristico di squilibrio idrico è dato dal fatto che le foglie più giovani tendono a raggrinzirsi tipo fisarmonica se l’acqua non è sufficiente (secondo la bibliografia più accreditata anche se scientificamente non è stato dimostrato), rimanendo tali per tutta la vita.

OUNONA Spruzzino Nebulizzatore per piante e fiori trasparente in plastica 250 ml 3PCS (Colore casuale)

Last update was in: 16 ottobre 2018 7:55
6,98

La percentuale di umidità ideale di questa pianta si aggira attorno al 60-70%. Per creare un ambiente simile, potete sistemare il vaso che contiene la pianta sopra un sottovaso (o altro recipiente) nel quale si sistema dell’argilla espansa o della ghiaia nel quale sarà presente sempre un po’ d’acqua. Agendo così le radici dell’Orchidea Miltonia non entreranno a contatto con l’acqua che, evaporando, garantirà un microclima umido. Un altro accorgimento consiste nello spruzzare una volta al giorno, la mattina, le foglie sempre con acqua non calcarea, meglio se demineralizzata.

Leggi di più –> Come annaffiare l’Orchidea

Concimazione

Per l’Orchidea Miltonia e Miltoniopsis si usano dei concimi bilanciati del tipo 20:20:20 (20 parti di azoto, 20 parti di fosforo e 20 parti di potassio), sciolti nell’acqua di irrigazione e in dosi dimezzate rispetto a quanto indicato nelle confezioni. Non eccedere con i concimi in quanto si possono verificare facilmente necrosi radicali dovute appunto ad eccesso di sali minerali.

Compo 1197802005 Concime in Bastoncini per Orchidee, 20 Pezzi, Rosa, 0.5x14.4x24.3 cm

Free shipping
Last update was in: 16 ottobre 2018 7:55
3,80

E’ importante bagnare bene il substrato prima di procedere con la concimazione per evitare un’eccessiva concentrazione salina e almeno una volta ogni due-tre concimazioni fare una irrigazioni con sola acqua in modo da eliminare gli eccessi di sali minerali.

Rinvaso

Il rinvaso dell’Orchidea Miltonia va effettuato ogni anno perché le radici crescono molto velocemente ed hanno necessità di avere a loro disposizione spazio sufficiente.

Il periodo migliore per effettuare il rinvaso è la fine dell’inverno, poco prima della ripresa vegetativa.

Essendo una pianta a sviluppo simpodiale, va sistemata decentrata rispetto al centro del vaso per consentire ai pseudobulbi di svilupparsi.

Come tipo di terriccio potete usare qualcosa di già pronto per orchidee facilmente reperibile anche online oppure ricorrere, ad esempio, 70% di bark di pezzatura piccola al quale aggiungete 20% di perlite e 10% di carbone di legna oppure 70% di bark di pezzatura piccola 20% polistirolo e 10% di gommapiuma. Qualunque substrato utilizziate è fondamentale assicurare un buon drenaggio (i pezzi più grossi vanno riposti sul fondo del vaso).

VASO TRASPARENTE "PORTO" CON SUPPORTO PER ORCHIDEE DIAMETRO CM 14 COMPLETO DI SOTTOVASO (1)

Free shipping
Last update was in: 16 ottobre 2018 7:55
11,80

E’ opportuno che il substrato ed il vaso possano favorire il rapido sgrondo delle acque di annaffiatura pertanto assicuratevi che il contenitore che avete scelto abbia un numero adeguato di fori di drenaggio. Consigliamo sempre l’utilizzo di un vaso trasparente, che vi permette di tenere d’occhio lo stato delle radici.

Leggi di più –> Il terriccio delle Orchidee

Dopo che l’orchidea è stata rinvasata lasciatela al riparo dalla luce diretta del sole, dagli sbalzi di temperatura e non annaffiate per circa sette giorni per consentire alle parti tagliate di cicatrizzarsi. Passato questo periodo iniziate molto gradualmente le annaffiature. Quando vi renderete conto che l’attività radicale è ritornata a pieno regime, riprendete a somministrare il concime.

Leggi di più –> Come rinvasare l’orchidea

Fioritura

In condizioni ottimali di luce, umidità e temperatura, l’Orchidea Miltonia offre fioriture veramente generose, donando degli splendidi rami fioriti anche due volte l’anno con fioriture molto persistenti di 4-6 settimane.

Una volta sfioriti gli steli fiorali vanno tagliati alla base in quanto i nuovi fiori si svilupperanno sempre dai nuovi pseudobulbi.

Leggi di più –> Come potare l’Orchidea

Malattie

L’Orchidea Miltonia e Miltoniopsis è tra le specie più sensibili alle malattie. Occorre pertanto essere particolarmente accorti nelle cure di questa pianta.

Leggi di più –> Le malattie delle Orchidee

Avete dei dubbi? Scriveteci qui le vostre domande!

Scrivi la tua domanda